“Porretta belongs on every serious blues and soul festival-goer's bucket list, a confluence of positive forces to be honored and treasured.”
Dick Shurman, Paul Harris Living Blues 2017
DIRETTORE ARTISTICO Graziano Uliani

Instagram

Seguici

Aurora Bresci

P1005274
P1005275
P1005277

Murale #11 Soul Women

Ann Peebles

Nata a Kinloch, Missouri si è fatta apprezzare nei club di St. Louis ma è a Memphis con le produzioni di Willie Mitchell che è esplosa. Complice il marito Don Bryant che ha scritto per lei autentici standard come I Can Stand The Rain e 99 Pounds. Il suono ipnotico della HI Rhythm Section e dei Memphis Horns ha fatto il resto. Per tutti gli anni ’70 è stata l’artista di punta della HI Records, vera controparte femminile di Al Green. E’ arrivata a Porretta nel 1992 per tornare nel 1996, 2001 e 2002. Lontana dalle scene dal 2012 a causa di uno stroke che tuttora le impedisce di esibirsi.

Mavis Staples

Classe 1939, nasce a Chicago e inizia la sua carriera giovanissima nel 1949 nel gruppo gospel di famiglia. I leggendari Staple Singers. Il gruppo approda alla Stax di memphis. ottenendo un successo internazionale. Primo disco solista di Mavis è del 1969. Abbiamo perso il conto di quante volte ha vinto o ha avuto la nomination ai Grammy Awards e ai Blues Awards. Nel 1994 ha partecipato al Porretta Soul Festival accompagnata dalla sorella Yvonne, ritrovando molti musicisti con i quali aveva inciso i suoi grandi hits alla Stax. Mavis è stata nominata al 56esimo posto dal Rolling Stone Magazine nella lista dei 100 più grandi cantanti di tutti i tempi.

Irma Thomas

È la indiscussa Soul Queen of New Orleans , la regina del soul di New Orleans. Contemporanea di Aretha Franklin e di Etta James non ha avuto lo stesso successo commerciale ma una carriera molto più omogenea. Nel 2007 ha ricevuto il Grammy Award per il miglior album di blues contemporaneo. Dopo il suo debutto a Porretta nel 1997, accompagnata dai Memphis All Star , il produttore Scott Billington ebbe l’idea di farle registrare un album con gli stessi musicisti e nel 2000 uscì My Heart In Memphis un album di grande successo. Il Porretta Soul Festival 2006 , un anno dopo l’uragano Katrina fece un omaggio alla città e alla musica di New Orleans invitando al Rufus Thomas Park Irma Thomas, I Neville Brothers e Davell Crawford.

Millie Jackson

Aggressiva, oltraggiosa, spesso oscena nei testi espliciti è sicuramente una delle voci più importanti del soul. Nata a Thompson, Georgia nel 1944 si è fatta notare in un club del New Jersey per raggiungere poi il successo con Hurts So Good, una canzone del film blaxploitation, Cleopatra Jones. I suo monologhi, il suo stile rap così duro richiedeva adesivi di avvertimento nei suoi album. Degni di nota i suoi duetti con Isaac Hayes e Elton John. La sua interpretazione del classico di Otis Redding I’ve Been Loving You Too Long al Porretta Soul del 1993 è uno degli highlights del festival. Si esibirà ancora a Porretta con la figlia Keisha nel 2004.

Carla Thomas

Carla Thomas è la figlia maggiore di Rufus Thomas e sorelle di Marvell che per molti anni ha diretto la Memphis All Star R&B Band a Porretta. Carla era la voce femminile più nota alla Stax sin dal suo primo hit Gee Whiz del 1961 e poi per l’album The King & The Queen con Otis Redding nel 1967. The Queen, la regina di Memphis per eccellenza. E’ arrivata la prima volta a Porretta nel 1990 per ritornare numerose volte anche assieme a Vaneese, la sorella minore che risiede da molto tempo a New York ed è stata stretta collaboratrice di Phil Ramone, con il quale ha diretto i cori in diversi Pavarotti & Friends, duettando con Luciano Pavarotti, Sting, Stevie Wonder, Michael Jackson, Celine Dion è stata per anni nella squadra di Aretha Franklin.

Sugar Pie DeSanto

Nata a New York nel 1935 da madre afro-americana e padre filippino, si trasferisce ben presto a San Francisco. E’ una delle ultime regine del rhythm & blues. Scoperta dal leggendario Johnny Otis ha avuto il suo primo contratto nel 1954. Nello stesso anno lavora per la Soul Revue di James Brown poi passa alla Chess di Chicago dove insieme a Etta James incide il classico In The Basement , diventa una delle star dell’Apollo di New York e nel 1964 è l’unica donna dell’American Folk Blues Festival in tour in Europa assieme a Willie Dixon, Problemi di alcool e droga, cinque matrimoni, di cui due volte con lo stesso uomo, che muore nell’incendio della loro casa nel Settembre 2006, dopo aver messo in salvo la moglie. Due mesi dopo il leggendario Jimmy McCracklin si esibisce al Biscuit Blues Club di San Francisco per raccogliere fondi per aiutarla e nell’occasione Sugar Pie va sul palco. C’è anche Graziano Uliani che la porta per la prima volta a Porretta. Dopo il suo debutto a Porretta nel 2007 è stata richiamata nel 2008, 2011 e 2015. Porretta ha trovato il suo Rufus Thomas al femminile!

Toni Green

Nasce e cresce a Memphis in un periodo in cui la Stax Records entusiasmava i fans di tutto il mondo Negli anni ‘70 il suo incontro con il band leader Gene Bowlegs Miller, che la chiama sotto la sua ala protettrice. Toni fa presto parte dell’ Isaac Hayes Entourage e della Luther Ingram Band, in veste di corista per entrambe le band. Dopo una parentesi a Louisville, Kentucky, torna a Memphis dove si impone come autentica Soul Diva. Il suo debutto al Porretta Soul Festival come regina della ventesima edizione nel 2007 e il suo ritorno nel 2009, 2011, 2013, 2014, 2016 ne ha fatto una beniamina del Rufus Thomas Park. Nel 2014 la collaborazione con la band francese Malted Milk ha prodotto Malted Milk & Green un album di grande successo a cui sono seguiti alcuni tour europei. Sempre nel 2014 a Porretta è stata ospite della Muscle Shoals All Star Band.

Chick Rodgers

Melvia Chick Rodgers-Williams è nata a Memphis. Ha iniziato a cantare in chiesa con il padre il Rev. Melvin Rodgers già leader del gruppo gospel Memphis Armonizers, poi è cresciuta musicalmente negli anni ’80, divenendo solista nel gruppo Clockwise.La porta della sua carriera musicale improvvisamente si è spalancata quando fu invitata a cantare in presenza di Patty LaBelle è la domanda che si fece il pubblico fu: Come può una così grande voce uscire da una così piccola donna. Nel 1989 si traferisce a Chicago. Inizia ad esibirsi in celebri locali come Blues Chicago, Kingston Mines e viene notata dalla grande Koko Taylor che la porta in giro per il mondo ma la sua fama esplode dopo le sue ripetute performances al Porretta Soul Festival.

ARTISTA

Aurora Bresci

INSTAGRAM