“Porretta belongs on every serious blues and soul festival-goer's bucket list, a confluence of positive forces to be honored and treasured.”
Dick Shurman, Paul Harris Living Blues 2017
DIRETTORE ARTISTICO Graziano Uliani

Instagram

Seguici

Il biografo della Stax Records Rob Bowman sul festival

Ricordo la mia prima visita al Porretta Soul Festival come se fosse ieri. Era il 1998 e quel particolare festival aveva come headliner Solomon Burke, i Bar-Kays e l’incomparabile Swamp Dogg. Porretta sembrava un luogo magico. Incastonato a metà strada tra Bologna e Firenze, era come se Dio avesse cosparso polvere di fata su questo piccolo borgo e lo avesse trasformato nel paradiso dell’anima per quel fine settimana. Camminando per le strade tranquille della città durante il giorno, c’erano manifesti del festival ovunque. Quando ho comprato il mio secondo o terzo gelato della giornata, mi sono imbattuto in uno o l’altro degli artisti, membri delle loro band di supporto o clienti abituali dei festival di cui, a poco a poco, ho riconosciuto i volti e i nomi. Tutti sorridevano costantemente, pieni di gioia e magnanimità, crogiolandosi al calore del sole italiano, con la musica della sera prima che turbinava nella testa. Questo è ciò che la musica Soul è in grado di fare e, per molti di noi, questo è stato il luogo più vicino possibile al paradiso dell’anima.

È stato nove anni fa. Difficile da credere ma quest’anno il festival festeggia il suo ventesimo anno. Come è successo così spesso nella storia del Porretta Soul Festival, ancora una volta la formazione è incentrata sui grandi suoni della leggendaria Stax Records di Memphis, poiché gli artisti presenti includono Booker T. e gli MG, Eddie Floyd, il membro di Memphis Horn Wayne Jackson, Sir Mack Rice e il grande blues Jimmy McCracklin. Uno dei grandi punti di forza del festival è che il direttore artistico Graziano Uliani riesce generalmente a tessere insieme un programma che sovrappone vere star del botteghino come Isaac Hayes, Sam Moore e Mavis Staples con artisti molto più nascosti ma comunque grandi come Ollie Nightingale , Betty Harris, Howard Tate e Bettye LaVette. Chi vive nella zona di Porretta è incredibilmente fortunato. Coloro che viaggiano attraverso l’Europa o occasionalmente attraverso l’Oceano Atlantico, sono molto fortunati che un tale evento si verifichi anno dopo anno.

Ho iniziato parlando della prima volta che sono venuto a Porretta. Vorrei concludere con il mio ricordo della prima volta che ho sentito parlare del Porretta Soul Festival. Come molti di voi sapranno, il fu Rufus Thomas era un ospite abituale a Porretta durante i suoi primi anni e, naturalmente, la città ha il suo parco Rufus Thomas. Rufus era un uomo che aveva fatto il giro del mondo più di una volta. Era diventato maggiorenne durante il culmine dell’era dell’apartheid di Jim Crow negli Stati Uniti, era stato uno dei primi disc jockey neri in quel paese, aveva avuto il primo successo per la Sun Records e, insieme a sua figlia Carla, ebbe un clamoroso impatto su quella che divenne poi la Stax Records. Aveva assistito in prima persona ai grandi successi dell’era dei diritti civili, a cinquant’anni aveva già registrato una serie di incredibili successi Funky tra cui “Do The Funky Chicken”, “(Do The) Push and Pull” e “The Breakdown” e si è rivelato essere la star di Wattstax, il più grande festival soul nella storia della musica americana. Alla fine degli anni ’80 non c’era molto che potesse impressionare Rufus Thomas. Eppure, nel 1988, quando tornò dal primo Porretta Soul Festival era pieno di meraviglia, sopraffatto dal modo in cui veniva venerato in un luogo così lontano e così diverso da Memphis, nel Tennessee. Il fatto che un parco fosse stato chiamato in suo onore lo lasciò semplicemente senza fiato.

Il fatto che esista anche il Parco Rufus Thomas la dice lunga su Graziano Uliani in particolare e sulla gente di Porretta in generale. So che Rufus sarebbe d’accordo con me e sono sicuro che è il suo spirito che continua a volteggiare su Poretta ogni anno, continuando ad assicurare che rimanga uno luogo intriso di magia. May the Soul be with You.

Toronto, 1 luglio 2007
Rob Bowman – autore del celebre Soulsville U.S.A .: The Story of Stax Records.