“Porretta belongs on every serious blues and soul festival-goer's bucket list, a confluence of positive forces to be honored and treasured.”
Dick Shurman, Paul Harris Living Blues 2017
DIRETTORE ARTISTICO Graziano Uliani

Instagram

Seguici

Peter Guralnick su Porretta

Tutti hanno cercato di dirmelo. Graziano ha cercato di descrivermelo e, naturalmente, avevo già sentito parlare di Porretta da Solomon Burke, Dan Penn, Michael Toles e Rufus e Marvel Thomas. Ma non avrei mai potuto immaginare com’era fino a quando non l’ho sperimentato di persona. Vedere 10.000 persone riunite nel Rufus Thomas Park su una collina che si allontanano gradualmente nell’oscurità è una cosa. Ma vedere Rufus Thomas che firma autografi per tutti, dagli otto agli ottanta, salutato per le strade come Rufolone da grandi e piccini, è tutta un’altra.

A un certo punto ho detto a Rufus: “Sapevo che hanno chiamato il parco con il tuo nome, ma non sapevo che fosse proprio il tuo”. Mi ha fatto una risatina e mi ha ammiccato, ma non ha smentito la dichiarazione. Non dimenticherò mai queste persone piene di sentimento che ho incontrato a Porretta. E non dimenticherò mai il rispetto con cui hanno accolto la musica e i musicisti. Tutti a Memphis dovrebbero vedere il modo in cui la loro musica nativa viene trattata a Porretta. In un momento in cui le case vengono demolite, a Porretta vengono eretti monumenti. Ma, cosa più significativa, la musica viene onorata in un modo che merita, i musicisti vengono riconosciuti non solo per la celebrità ma per i loro contributi.

FPer me Porretta è stata una pausa piena di sentimento – il tipo di sensazione che non avrei mai pensato di provare e come credo dovrebbero essere le cose (non necessariamente come sono di solito). Penso che Dan Penn lo abbia espresso al meglio: “in un momento in cui un posto per la gioia sta diventando molto difficile da trovare … c’è un posto a Porretta”, ha cantato – un luogo (uno stato d’animo?) dove il rispetto e la grazia sono ovunque”. Rispetto quell’emozione. Spero di vedere i miei tanti amici, vecchi e nuovi, a Porretta il prossimo anno.

Peter Guralnick, Novembre 1995